Prelievi truffa dal bancomat: la banca dovrà rispondere per negligenza

Prelievi truffa dal bancomat: la banca dovrà rispondere per negligenza

Prelievi bancomat truffa New Concept Advisory

Smarrimento dei bancomat: cosa fare

A volte, può capitare che il tuo bancomat venga clonato o rubato, per poi svuotare completamente il conto a cui è associato. La legge, però, parla chiaro in merito: devi essere rimborsato completamente dalle banche.

La legge in merito al furto

Al giorno d’oggi i criminali sono sempre dietro l’angolo. Escogitano sempre nuovi metodi per rubare soldi ai poveri malcapitati, che poi si ritrovano senza un centesimo. Una pratica molto diffusa è quella del derubare o clonare bancomat. Un processo che porta allo svuotamento dei conti delle persone e all’arricchimento dei criminali.

Ma come avvengono questi furti? Le modalità sono molteplici. Può essere un semplice scippo e, se in qualche modo viene rintracciato il pin del proprietario della carta in breve tempo, lo svuotamento del conto è assicurato. Altro modo è il clonaggio di bancomat, che avviene utilizzando mezzi elettronici nei pressi degli sportelli di prelievo, in grado di clonare le carte. Il risultato? sempre lo stesso: privazione di tutti i soldi presenti sul conto.

Il problema, oltre a quello della criminalità, ha radici più profonde. Si parla anche dell’atteggiamento delle banche a riguardo, dopo che ci si lamenta del danno subito. Zero rimborsi e tanti saluti. Ma la legge è chiarissima sull’argomento. La banca è tenuta obbligatoriamente a risarcire al 100% il cliente che ha subito il furto. Questo è stato stabilito dall’Arbitro bancario finanziario, ente che si occupa di controversie tra clienti e banche. A supportare l’Arbitro bancario è la stessa Bankitalia, che sta ricevendo un numero sempre più crescente di richieste di reclamo a riguardo.

Il rimborso totale dalle banche è obbligatorio

Crisi sistema bancario New Concept Advisory
Secondo Bankitalia, la crisi è generata dal sistema bancario

Gli istituti di credito fanno quasi sempre orecchie da mercante quando si tratta di rimborsare i propri clienti. Ovviamente, hanno un copione pronto. “la colpa è del cliente. Probabilmente avrà custodito il pin assieme al bancomat, cosa che noi sconsigliamo sempre di fare”. Tutte scuse! Non farti ingannare da queste frasi. Hai diritto al rimborso, e non solo. Se la banca ha da ridire a riguardo, deve dimostrare se ci sono colpe gravi da parte dell’utilizzatore del bancomat.

Tutto questo è sancito dal Decreto legislativo 11/2010 di recepimento della Psd (direttiva 2007/64/Ce). Il Decreto prescrive che la banca risarcisca immediatamente l’importo dell’operazione al cliente, salvo gravi eccezioni.

L’unica cosa che bisogna fare è chiedere i soldi persi. La banca respinge le vostre richieste? Allora devi procedere per vie legali, supportato da professionisti del settore. Persone che conosco i diritti del cittadino, e che riusciranno a mettere le banche alle strette, per procurarti il rimborso richiesto. Non farti prendere in giro, reagisci immediatamente! I tuoi soldi, sudati con tanta fatica, sono tuoi per legge. Quindi, puoi e devi essere rimborsato.

Non piegarti ai raggiri degli istituti di credito, con l’aiuto giusto puoi riavere i tuoi soldi!

Ricorda che puoi riprenderti i soldi perduti. Le banche non possono privarti di ciò che è tuo di diritto. Se hai problemi con gli istituti di credito, non esitare a chiamarci: 0375-833181.


Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *