Surroga sui mutui. La situazione dopo 10 anni

Surroga sui mutui. La situazione dopo 10 anni

Surroga Mutui New Concept Advisory

Un periodo di successo

Sono passati 10 anni dal decreto emesso che permette la surroga dei mutui, ovvero il trasferimento di un contratto per comprare casa verso un’altra banca. Cerchiamo di capire se è ancora conveniente utilizzare questo metodo e quali sono le prospettive per il futuro.

L’ascesa e la diffusione della surroga, tra alti e bassi

Ormai è passato un decennio dall’approvazione del Decreto Bersani, che ha introdotto la pratica della surroga dei mutui. Per chi non sapesse di cosa stiamo parliamo, con surroga di un mutuo si intende il passaggio di un contratto di mutuo ad un altro istituto di credito. Il motivo del passaggio è la ricerca di tassi di interesse più vantaggio e quindi un risparmio concreto sia sulla somma totale da restituire alla banca, ma anche sulle rate mensili da dover pagare.

Secondo un’indagine effettuata da Mutuisupermarket, il risultato ottenuto dall’introduzione della surroga è stato molto positivo. Parliamo di un controvalore di circa 63 miliardi di euro, che in pratica vuol dire soldi risparmiati dagli italiani. Attualmente un mutuo su sei ha subito almeno una surroga durante la sua estinzione, con un boom di richieste avvenuti in specifici periodi.

Mutuo New Concept Advisory
Le banche danno il benvenuto alla surroga della surroga del mutuo

Il Decreto per l’introduzione di questa pratica è stato varato nel 2007, ma c’è stato un periodo di rodaggio, prima che gli italiani capissero bene il funzionamento della surroga. Infatti, fino al 2009 le richieste sono state bassissime, per poi registrare un vero e proprio boom di cambi di banca per i mutui. I cittadini iniziavano a scorgere alti margini di guadagno, per cui la surroga divenne una pratica sempre più diffusa. Poi segui una calo nel periodo compreso tra il 2012 e il 2014, anni di crisi bancaria italiana.

Dal 2015 si è avuta una lenta ma costante ripresa, complice anche la recente introduzione delle surroghe su surroghe dei mutui, ovvero la possibilità di cambiare più di una banca per il proprio contratto di mutuo. I cambiamenti avvenuti alla richiesta di surroga, che si configurano come un decennio di alti e bassi, sono dovuti principalmente alla situazione bancaria e economica del Paese. Se, negli anni, gli istituti godono di maggiore benessere possono proporre tassi di interesse migliori. Al contempo, se stanno affrontando una crisi, le offerte degli istituti non saranno vantaggiose, cosa che fa irrimediabilmente ridurre le richieste di surroga.

Il mutuo a tasso fisso è quello maggiormente vantaggioso. Le previsioni per il futuro

Il contratto più vantaggioso per la surroga è il mutuo a tasso fisso. Questo perché un contratto a tasso fisso avrà degli interessi bloccati alla stessa percentuale per tanti anni. Per cui se le banche riescono ad avere un periodo di benessere, possono proporre tassi di interesse migliori. Quindi la surroga diventa vantaggiosa per i cittadini. In particolare, molti mutui stipulati tra il 2010 e il 2013 possiedono dei tassi discretamente elevati, per cui, secondo l’indagine condotta, sarebbe vantaggioso valutare una surroga per chi ha stipulato un contratto in quel periodo. O quantomeno far verificare se il mutuo posseduto abbia dei tassi buoni. Si parla di vantaggi materiale di circa un 35% di risparmio sulle rate mensili.

Per il futuro, invece, cosa dobbiamo aspettarci? Sicuramente un calo delle surroghe. Questo perché la Bce sta iniziando ad avere un atteggiamento sempre meno espansivo. Un indice che porterà le banche ad avere tassi di interesse probabilmente elevati. Per cui si può ipotizzare che un numero compreso tra il 10% e il 15% sia oggetto di surroga. Per i restanti probabilmente non ci sarà nessuna richiesta. C’è da considerare che alcuni mutui sono a tasso variabile, in cui non è molto consigliata la surroga. In conclusione, le surroghe hanno avuto un buon successo, ma nel futuro probabilmente diventerà una pratica sempre meno diffusa.

Fate sempre attenzione agli illeciti nei contratti. Se pensate di essere stati truffati, chiedete aiuto

Questo scenario mostra come le surroghe sui mutui siano state molto vantaggiose durante questi 10 anni. In futuro, però, la situazione potrebbe cambiare. Purtroppo sono previsti degli aumenti dei tassi di interesse, da parte delle banche, non indifferenti.

A tal proposito è fondamentale stare attenti a non incappare in illeciti all’interno di questi contratti. Se pensate di essere stati truffati, non esitate a chiamarci: 0375-833181. Sapremo trovare gli illeciti presenti nei vostri mutui e garantirvi il rimborso dovuto.


Fonte

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *